Corso 3ds Max 2017 – percorso personalizzato

   la scheda del corso in formato PDF

  Questo corso è finanziabile

  Giorni e orari:

Il corso ha una durata di 40 ore,
articolato in lezioni giornaliere da 8 ore
da lunedì a venerdì dalle ore 9:00 alle 18:00

  Sede:

Viale Brenta 27/29, Milano

  Argomenti:

Prezzo: € 2.400 + IVA 22%

CHIEDI INFO → o Pre-iscriviti

Il corso certificato Autodesk di 3ds Max 2017 si sviluppa in lezioni giornaliere da 8 ore.

Tutti i corsi sono tenuti a Milano presso la nostra sede in aule luminose e climatizzate complete di PC ad alte prestazioni, monitor LCD da 24″, videoproiettore collegato al PC del docente e lavagna.

La certificazione internazionale Autodesk di frequenza conseguita con la partecipazione al corso attesta le competenze acquisite, aggiunge valore all’attività professionale e accresce la competitività sul mercato del lavoro.

Corso Certificato Autodesk

 

A chi è rivolto

Il percorso di Autodesk 3ds Max è strutturato in modo tale da fornire strumenti completi in campo architettonico e progettuale, fino all’acquisizione di conoscenze avanzate ed evolute per utilizzare al meglio il programma. Sono appositamente approfondite le tematiche di modellazione e di rendering per il raggiungimento di una metodologia di lavoro ottimale specifica per la produzione di immagini nel settore architettonico e del design; al termine del corso i partecipanti saranno in grado di gestire agevolmente gli strumenti di Autodesk 3ds Max in ambiente di modellazione e di creazione di rendering per presentazioni. Il corso prevede lezioni intensive teoriche ed esercitazioni pratiche, che permettono ai partecipanti di applicare immediatamente le conoscenze apprese e acquisire sin dall’inizio dimestichezza con il programma sino ad essere in grado di sviluppare, importare, visualizzare e modificare modelli progettuali a differenti scale.

Durata del corso
Il corso ha una durata complessiva di 40 ore articolate in lezioni giornaliere di 8 ore. Il corso si basa sulla versione Windows di Autodesk.

Requisiti minimi richiesti
Competenze di base su AutoCAD 2D e/o 3D, SketchUp, Rhinoceros, Revit o programmi affini (non vincolante)

Docente
Corso tenuto da istruttore senior Certificato Autodesk, con elevata competenza tecnica, molti anni di esperienza didattica e la qualifica di Autodesk Approved Instructor e di Autodesk Certified Professional

Certificato di frequenza
Forma Mentis rilascerà a termine del corso un attestato di frequenza ufficiale Autodesk, numerato e riconosciuto a livello internazionale, che certifica la frequenza di un corso tenuto secondo i criteri stabiliti da Autodesk

Nel prezzo è compreso:

  1. l’attestato di frequenza ufficiale Autodesk
  2. Documentazione di approfondimento: Pdf con tracce di approfondimento, indicazioni di siti
    web e blog sui vari argomenti , riferimenti bibliografici, modelli 3D e clip video
✩✩✩ Condividi con i tuoi amici ✩✩✩

Argomenti principali del corso

Introduzione a 3ds Max – Modellazione 3D

Interfaccia utente
Conoscere e personalizzare l’interfaccia: Toolbar, Command Panel,
Ribbon, le Viewports, Workspace e Default settings
Le scene template (uso ed organizzazione)
Strumenti di navigazione 3D
Gestione dei file Autodesk 3ds Max – salvataggi incrementali, backup

Creare e selezionare oggetti

Tecniche di selezione (diretta,by-name, by material)
Creazione di primitive geometriche 2D e 3D – gestione parametri e modifiche
Duplicare: Copy, Instance e Refereces – comprendere le differenze
Pivot point e coordinate di trasformazione
Trasformazioni geometriche e Modifiers – comprendere le differenze
Strumenti di precisione: snap, Ortho e Polar mode

Gestire la complessità della scena

Nascondere congelare ed isolare; nascondere sub-oggetti
Raggruppare
Controllare dimensioni, proprietà e livello di dettaglio dei modelli
Gestire i layers – Scene Explorer

Modellazione 3D

Comprendere la modellazione poligonale – Mesh, Sub-oggetti (Vertex, Edge; Polygon ecc.), Smoothing groups
Deform modifiers: Bend,Twist,Taper ecc.
Primitive architettoniche (wall, railing, windows, doors, stairs).
Disegnare forme in 3dsMax – rassegna delle tecniche
Modifiers applicate a forme per la modellazione: Extrude, Lathe, Bevel, bevel profile, Sweep – Gli strumenti Loft
Compound Object: Boolean e Proboolean, Scatter; Shape Merge ecc.
Strumenti di Modellazione poligonale – Convert to … e Modificatori Edit
 Modellazione Poligonale – rassegna dei principali strumenti e tecniche;
 Altri modifiers utili alla modellazione: Shell, Symmetry; Relax; FFD; Lattice
ecc.
 Esercizi applicati di modellazione con tutte le tecniche presentate

Importare in 3dsMax

Problematiche connesse alla importazione e gestione altri formati
Preparazione, importazione e collegamento di file CAD (Dwg e Dxf), FBX e RVT
Esempi di Importazione di modelli 3D nei vari formati cercati in rete.

Modellazione 3D Avanzata

Approfondimenti sulla modellazione 3D
Approfondimenti sulle operazioni di editing con i sub-oggetti.
Il modificatore Symmetry
Uso dei references (blueprints)
Superfici suddivisione (subdivision surface)
Modellazione in Low-Poly e Modificatori MeshSmooth / Turbosmooth / Open Subdiv
Modellazione organica e tecniche di modellazione i personaggi (cenni)
Modellazione di drappeggi e tessuti con Garment Maker, Cloth e Mcloth
Modellazione imbottiti, tendaggi, coperte ecc.- esercitazioni applicate
Modellazione con Modificatore Displace e Displace Approx (cenni)
NURBS (Non-Uniform Rational B-SPline) – introduzione
Strumenti Nurbs – CV/Curve/ Superfici
Modellazione Patch surface: editing diretto e
Modificatore Surface – preparazione dei profili (Cross section)

Sculpting 3D

Gli strumenti di Sculpting Free form: Branches, Strips, Splines, Shapes ecc. – esempi applicati
Conform brush: move, rotate,scale, relax – esempi applicati
Paint deformation: push/pull, relax/soften, smudge, pich, spread-–
esempi applicati

Object painting

Brush settings, painting di geometrie e proxy su superfici – opzioni ed applicazioni pratiche

Introduzione a Max Creation Graph (MCG)

Interfaccia, editor, wiring, parametri geometria ecc – esempi applicati
Oggetto Editable poly

Rendering

Mental Ray
Attivazione di Mental Ray
Le impostazioni generali.
Le impostazioni della Global Illumination: final gather e photon map.

Gloobal Illumination

Gestione integrata di illuminazione diretta ed indiretta (Global
Illumination) – Clay render e material override
lluminazione IBL
Il Final gather: opzioni e settaggi
La Photon Map: opzioni e settaggi
Integrazione tra i 2 algoritmi
Sampling Quality
Impostazioni per scene d’esterno
Impostazioni per scene d’interno – luce naturale e luci artificiali
Ambient occlusion
Tecniche d’ottimizzazione del calcolo per immagini e per animazioni

Cineprese

Gestione cineprese standard e Physical Camera
Viste camera da prospettive; Safe frame
Camera correction

Lighting ed controllo esposizione

Le luci MR Area
Le luci fotometriche: intensità, controlli, colore e temperatura e i diagrammi di distribuzione IES
La Daylight system e physical sky – regolazioni (bilanciamento,
saturazione, foschia ecc)
Le luci Sky Portal.
Controlli esposizione: logaritmic exposure control e MR photographic exposure control
Bilanciamento tonale delle immagini – regolazione fotografica ed exposure value.
Kelvin e bilanciamento colore della luce – Vignetting e bilanciamento saturazione
Physical camera Exposure control

I materiali

Slate Material editor e Compact Material editor – integrazione
Materiali Arch&Design: modelli di materiali, parametri e personalizzazione dei materiali (esempi notevoli)
Materiali Phisycal: modelli di materiali, parametri e personalizzazione dei materiali (esempi notevoli)
Vetri – Vetri Physical e Solid; vedri acidati, sabbiati e serigrafati
Materiali translucidi
Vernici metallizzate: Autodesk e Car Paint
Metalli avanzati e materiali Autodesk;
Gestire ed organizzare i materiali – le librerieAltri Materiali:, SSS Fast (cenni); Standard, Architectural;
Esempi di varie tipologie di Materiali e Mappe di composizione procedurali ecc..
Materiali composti: multisub-object, Composite, Blend, Top-bottom;
Materiali per il fotoinserimento
Il pannello Mental Ray connection e gli shader mr.

 

Mapping

Sistemi di mappatura base: UVW Map, map scaler
Sistemi di mappatura avanzata: Unwrap -UV Editor, Spline mapping, Pelt map ecc.

Il render

Opzioni fondamentali di rendering: Mental Ray, dimensione immagine, risoluzione
Scene state
Batch render

Migliorare la qualità del rendering

Sampling Quality- Classical e Unified per il controllo della qualità
Cenni all’uso dei Render Elements
Sfondi: screen mapping e spherical mapping
Illuminazione ed environmente HDRI
Inserimento fotografico: Perspective matching e camera matching
Production shader per l’inserimento fotografico – material Matte Shadow Reflection/Environment background camera map

Ottimizzazioni

Impostazioni di memoria
Proxy object
Formati di immagine e postproduzione
Uso render elements e post-production in Photoshop

Effetti di rendering

Fur – creazione di tappeti, erba ecc
Displacement – creazione di tappeti, erba, tegole e rivestimenti,
Depth of field – la profondità di campo
Caustiche

Chi ha guardato questo corso ha consultato anche…